fbpx
OSTEOPATIA E LINFODRENAGGIO - D.O. Giuseppe Totaro

Osteopatia e Linfodrenaggio

Il buon funzionamento del sistema linfatico è fondamentale per la capacità del nostro corpo per drenare i liquidi stagnanti, disintossicare, rigenerare tessuti, filtrare le tossine e le sostanze estranee, e mantenere un sistema immunitario sano (Asdonk, 1970, Adair e Guyton, 1982). Si tratta di un sistema complesso costituito principalmente da vasi linfatici e snodi che lavorano in collaborazione per eseguire queste operazioni.

È il 2° sistema circolatorio del corpo; se si arrestasse moriremmo in 24 ore per edema massivo e per gli effetti della ritenzione delle scorie metaboliche tossiche. A differenza del sistema circolatorio, che utilizza il pompaggio del cuore per far circolare il flusso di sangue, i vasi linfatici basano su centinaia di minuscole unità muscolari in tutto il corpo per spingere il flusso linfatico (Mislin, 1961). Queste contrazioni consentono ai vasi linfatici di eseguire il trasporto di numerose sostanze (ad esempio, proteine, tossine, ormoni, acidi grassi, le cellule immunitarie ecc..) ai linfonodi, i quali le possono poi rielaborare. L’azione di queste unità muscolari può essere ostacolato o interrotto, a causa di un intervento chirurgico, trauma, ustioni, infezioni, affaticamento, stress o età. Quando la circolazione linfatica ristagna, fluidi, proteine, cellule e le tossine si accumulano, e il funzionamento cellulare è compresso in modo significativo (Adair, Guyton, 1982). Questo potrebbe aprire la strada a molti disturbi fisici e accelerare il processo di invecchiamento.

OSTEOPATIA E LINFODRENAGGIO

OSTEOPATIA E LINFODRENAGGIO

OSTEOPATIA E LINFODRENAGGIO

Il drenaggio linfatico è una tecnica manipolativa progettata per raggiungere e sostenere il corretto funzionamento dell’organismo. Le sue origini possono essere ricondotte a due tradizioni in particolare: la ricerca pubblicata di Frederic Millard, un medico osteopata canadese (1922), ed Emil Vodder, un praticante di massaggio danese e dottore in filosofia (1932). Nel corso degli anni, i metodi basati sulle scoperte di questi due pionieri sono state affinate, raffinate e ampliate. Oggi le tecniche di drenaggio linfatico sono impiegate come prassi scientifica standard in tutta Europa e continuano a ottenere il riconoscimento sia da operatori sanitari che dai pazienti.

Le tecniche Osteopatiche implementano l’azione di drenaggio linfatico liberando le strutture anatomiche e aumentando la circolazione linfatica seguendo questi principi di trattamento:    Nasce così il connubio vincente dell’OSTEO-Linfodrenaggio. Come viene eseguita la tecnica di OSTEO-linfodrenaggio? Le tecniche osteopatiche si dividono in 2 categorie:

  • Tecniche che rimuovono gli impedimenti
  • Tecniche di aumento della circolazione linfatica

Successivamente il processo implica l’uso di manovre manuali delicate atte ad aiutare il ricircolo di fluidi corporei. Mentre l’esatta quantità di pressione applicata dipende dalla zona e dalla patologia specifica, è in media una tecnica estremamente leggera (5 gr di pressione). Utilizzando queste tecniche, si lavora sulla direzione generale della circolazione linfatica, le zone di ristagno, ed il miglioramento dei percorsi alternativi per il drenaggio linfatico e gli altri fluidi corporei (Chikly, 2001).

A causa della natura e ruolo del sistema linfatico, il drenaggio linfatico può rivelarsi utile nella correzione di numerose condizioni e nella manutenzione preventiva della salute. In sostanza, il linfodrenaggio lavora per aiutare il ricircolo dei fluidi corporei, per stimolare il funzionamento del sistema immunitario, e promuovere uno stato di rilassamento e di equilibrio all’interno del sistema nervoso autonomo.

E ‘dimostrato che quando queste azioni vengono eseguite, i risultati possono essere:
  • Riduzione di edemi (gonfiore) e linfedemi di molte origini
  • Disintossicazione del corpo
  • Rigenerazione dei tessuti (ad esempio, da ustioni e cicatrici pre e post-operatori) e gli effetti anti-invecchiamento
  • Sollievo degli stati infiammatori e di condizioni come l’acne, eczema, psoriasi e allergie croniche ecc..
  • Stimolazione del sistema immunitario per gli effetti preventivi e terapeutici
  • Riduzione dei sintomi della sindrome da stanchezza cronica e la fibromialgia
  • Sollievo del dolore cronico
  • Rilassamento profondo per l’insonnia, depressione, stress, perdita di vitalità, e la perdita della memoria
  • Azioni antispastica per alleviare malattie come l’ipertono muscolare volontaria o involontaria
  • Attenuazione delle cellule adipose e cellulite dei tessuti
AGIRE CONTRO LA STITICHEZZA CON L’UTILIZZO DELL’OSTEOPATIA PUÒ ESSERE UNA SOLUZIONE EFFICACE SENZA L’UTILIZZO DELLE MEDICINE.

Parliamo di osteopatia per stitichezza. Si stima che almeno il 10% degli italiani soffra di stipsi cronica, con un’incidenza molto più femminile che maschile. Spesso le persone cercano sollievo con uso di lassativi e di medicinali, ma non sanno che è, appunto, possibile risolvere il problema anche senza l’utilizzo di farmaci.

 

ORIGINI DELLA STITICHEZZA

Dal punto di vista osteopatico, è necessario prima capire quali sono le origini della stitichezza. Ciò può dipendere, infatti, da vari fattori: errori nell’alimentazione, aderenze post-operatorie, ipo-stimolazione nervosa della peristalsi, blocchi articolari da parte del bacino e della colonna vertebrale e molto altro ancora.

COME INTERVIENE L’OSTEOPATA

Il lavoro dell’osteopata consisterà nell’agire sulla mobilità del colon, per poter ripristinare al meglio il movimento intestinale. Si andrà ad interessare la zona del bacino, dove passa il colon, ma anche le vertebre lombari: da qui, infatti, partono le connessioni nervose con i visceri. In alcuni casi si può intervenire con trattamenti di osteopatia craniale. Generalmente, però, si cerca di agire a livello intestinale, ottimizzando così la mobilità del diaframma.

Andare a sbloccare il diaframma è utile per poter risolvere al meglio la problematica. Per migliorare gli effetti del trattamento, in ogni caso, l’osteopata consiglia sempre di curare al meglio l’alimentazione, inserendo frutta e verdura alla base di ogni giorno e privilegiando l’uso anche dei cibi e cereali integrali e grezzi. È utile, inoltre, bere molto per aiutare l’intestino a ripulirsi. Oltre all’alimentazione, ricordiamo che è utile iniziare a correggere il proprio stile di vita anche a partire dalla respirazione. Una corretta respirazione migliora la mobilità del diaframma.

Le manovre in questione sono viscerali e senza dubbio non invasive. Le tecniche utilizzate sono molto dolci: viene applicata una forza manuale leggera, eliminando così possibili restrizioni presenti nella zona trattata. La forza lieve e precisa garantisce i migliori risultati, a causa della natura molto delicata e reattiva di tutti i tessuti viscerali.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato sui nuovi corsi.

Scopri tutte le novità con gli articoli del nostro Blog.

You have Successfully Subscribed!