NEVRALGIA DEL TRIGEMINO E OSTEOPATIA
È una forma rara, che colpisce più frequentemente il sesso maschile e i suoi attacchi sono particolarmente dolorosi tanto che è stata soprannominata “ cefalea del suicidio”. Altra peculiarità della cefalea a grappolo è il fatto che gli attacchi si ripetono ciclicamente seguendo sempre lo stesso schema, dando luogo ai cosidetti “grappoli”. I grappoli, cioè i periodi in cui gli attacchi sono più frequenti, sono caratterizzati da intenso dolore unilaterale nella regione orbitaria e/o temporale, della durata variabile tra 15 e 180 minuti. Fattori associati risultano essere intensa lacrimazione, irritazione congiuntivale, ostruzione nasale o rinorrea, sudorazione facciale, tutti omolaterali al dolore.
Si distinguono due forme di cefalea a grappolo: una forma episodica con grappoli che possono durare da sette giorni ad alcuni mesi con intervalli asintomatici superiori a due settimane; una forma cronica, in cui gli attacchi si presentano tutti i giorni per più di un anno, senza significativi intervalli privi di dolore.
Le cause di questa malattia non sono ancora note con certezza ma un cattivo funzionamento dell’ipotalamo (sede dell’orologio biologico del nostro organismo) sembra avere un ruolo cruciale e potrebbe spiegare la natura ricorrente e ciclica della cefalea a grappolo.
Il dolore insorge a causa dell’eccessiva dilatazione dei vasi sanguigni cranici, che esercitano pressione sul nervo trigemino.
I fattori scatenanti più comuni sono il consumo di bevande alcoliche, il fumo di sigaretta, stress ad emozioni intense, alterazione dei ritmi di sonno-veglia, gli effetti del jet-lag.

TRATTAMENTO OSTEOPATICO

Il trattamento è basato sulla rimozione delle rigidità e ripristino della mobilità: rimozione delle rigidità della zona testa collo, delle interferenze meccaniche dell’apparato digerente, riprogrammazione dei patterns sotto-occipitali a start oculo-motorio, neutralizzazione dello stato di compressione, intervento sui due punti d’inserzione meningea, riduzione delle restrizioni di mobilità del complesso occipite-atlante-epistrofeo-mandibola, riprogrammazione dei patterns neuromuscolari complessi che controllano I movimenti delle strutture in oggetto, riequilibrio dei diaframmi principali con tecniche miste strutturali e di riprogrammazione, riduzione delle disfunzioni vertebro-vertebrali e costovertebrali toraciche.

nevralgia del trigemino e osteopatia

nevralgia del trigemino e osteopatia

nevralgia del trigemino e osteopatia

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato sui nuovi corsi.

Scopri tutte le novità con gli articoli del nostro Blog.

You have Successfully Subscribed!