fbpx
L’infiammazione della borsa trocanterica con comparsa di trocanterite, associata ad un aumento della tensione del muscolo tensore della fascia lata (TFL) e/o del tratto ileo tibiale (ITB), è una condizione patologica di frequente riscontro. Tale condizione se non diagnosticata e trattata correttamente può cronicizzare e divenire invalidante per l’importante sintomatologia dolorosa, costringendo i soggetti affetti ad una limitazione delle attività della vita quotidiana e dell’ attività sportiva.

Le problematiche che coinvolgono l’articolazione dell’anca nella sua regione antero laterale e il coinvolgimento della borsa trocanterica associata ad un aumento della tensione del TFL e/o ITB sono tra le affezioni più comuni dell’apparato muscolo-scheletrico riguardanti l’arto inferiore, riscontrate da fisiatri e fisioterapisti nella pratica clinica. [45]

Si tratta di una condizione patologica comune nella professione del fisioterapista e dei fisiatri, ed in aumento nell’ultimo decennio.

Benchè venga usato il termine trocanterite o borsite trocanterica, nella maggior parte dei casi non è l’infiammazione della borsa a scatenare la sintomatologia, ma l’interessamento dei tessuti molli peri-trocanterici (tendinopatia dei muscoli medio e/o piccolo gluteo, contrattura del muscolo TFL, che scorrendo sopra al grande trocantere nei movimenti dell’articolazione, porta all’infiammazione della borsa interposta tra le due strutture). [14,18,24,36] Questa condizione clinica è caratterizzata da dolore nella regione laterale dell’anca e della coscia.

Può colpire sia persone sedentarie, che sportivi, è frequente nei runners che corrono su lunghe distanze ed è più comune nel sesso femminile.

Ci sono diversi fattori che predispongono alla patologia:

  • una dismetria degli arti inferiori,
  • interventi chirurgici all’anca o ginocchio,
  • scarsa stabilità lombo-pelvica,
  • debolezza dei muscoli glutei e dei rotatori esterni dell’anca
  • tendinopatia inserzionale dei muscoli che si inseriscono al grande trocantere,
  • artrosi dell’anca e/o del ginocchio;
  • e tutti quei fattori che portano ad un aumento nella tensione del TFL o ITB, come, una cinematica alterata del cammino e/ della corsa, errori negli allenamenti, appoggio alterato della volta plantare, valgismo delle ginocchia, mancanza di stretching pre e post allenamento. [8,9]

Il primo approccio nei pazienti è conservativo, ghiaccio, riposo dalle attività che evocano i sintomi, farmaci anti-infiammatori non steroidei al bisogno, importante è il ruolo del fisioterapista, che dovrà fare un esame clinico approfondito ed impostare un programma riabilitativo, adeguato al singolo paziente.

ANATOMIA

STRUTTURE OSSEE DELL’ARTICOLAZIONE DELL’ANCA

Le strutture ossee che vanno a costituire tale articolazione coxo-femorale sferoidale (enartrosi) sono la voluminosa testa del femore, che fa parte dell’epifisi prossimale del femore (superficie convessa), e la cavità acetabolare (superficie concava) delle ossa del bacino.

I tessuti molli (capsula articolare, legamenti e labbro acetabolare, muscoli) che circondano l’articolazione contribuiscono alla stabilità lungo tutto l’arco di movimento.

L’anca è un’articolazione triassiale, in grado di funzionare in tutti e tre i piani dello spazio. Rappresenta il collegamento prossimale all’arto inferiore. E’ un’articolazione intrinsecamente stabile, grazie alla profondità e alla conformazione delle superfici articolari, destinata a sopportare il peso del corpo.

Durante la deambulazione e le altre attività degli arti inferiori, le forze sono trasmesse dagli arti inferiori verso l’alto attraverso le anche, al bacino ed al tronco.

La forma del femore è fatta per sopportare il peso del corpo e trasmettere le forze di reazione al suolo attraverso la diafisi, il collo e la testa alla cavità acetabolare del bacino. Il Femore è un osso lungo formato da un copro o diafisi e due estremità o epifisi, una prossimale e una distale.

Alla testa segue una porzione più ristretta, il collo anatomico e subito dopo si evidenziano due rilievi/protuberanze rugose in cui si inseriscono diversi muscoli, uno posto in alto e lateralmente, il grande trocantere, e uno posto più in basso e medialmente, piccolo trocantere. Questi due rilievi in avanti sono uniti da una cresta rugosa, linea intertrocanterica. Indietro sono uniti da un rilievo più pronunciato e sporgente, cresta intertrocanterica. Medialmente al grande trocantere c’è una depressione, la fossa trocanterica La diafisi dell’osso è robusta e prismatico-triangolare, si distinguono 3 superfici e 3 margini ed ha una accentuata concavità posteriore. Tra diafisi ed epifisi prossimale c’è il collo chirurgico. Nel grande trocantere si inseriscono i glutei e buona parte della muscolatura che stabilizza l’anca durante la deambulazione (medio gluteo, piriforme, gemelli, otturatore interno). Questa sporgenza ossea è separata dalla fascia lata solo dalla borsa trocanterica, una borsa sinoviale che consente e facilita lo scivolamento anatomico tra queste due strutture. [2,5,13]

BORSA

Borsa mucosa, detta anche sierosa o sinoviale: a forma di vescicola contenente modesta quantità di liquido sinoviale sieroso limpido e trasparente. Queste borse sono delimitate da una membrana della stessa natura di quella sinoviale presente nelle articolazioni, destinata a favorire lo scivolamento. La loro funzione è quella di ridurre l’attrito e gli urti nella zona, fanno da “cuscinetto” tra prominenze ossee e tessuti molli circostanti, consentendo alle articolazioni di svolgere dolcemente tutti i movimenti naturali; facilitando lo scorrimento e lo scivolamento dei tendini sulle ossa. [13,14] Sono presenti più di 150 borse in diverse sedi dell’organismo (olecrano, prerotulea, subacromiale).

Una pratica suddivisione delle borse sierose è quella che distingue tra:

  • borse muscolari, si trovano tra quei muscoli che scorrono l’uno sull’altro
  • borse tendinee, si trovano tra i tendini e la sottostante superficie delle ossa
  • borse sottocutanee, si trovano tra la cute e la superficie di quelle ossa che non sono ricoperte da muscoli

Nella regione dell’anca sono presenti circa 20 borse. [22]

Attorno al grande trocantere sono presenti costantemente tre borse, con la funzione di attutire i tendini dei muscoli glutei, tratto ileo-tibiale, piriforme, e tensore della fascia lata rispetto alla sporgenza del grande trocantere:

  • subgluteus minimus bursa: è una borsa situata cranialmente e ventralmente al grande trocantere e lo separa del tensione del muscolo piccolo gluteo
  • subgluteus medius bursa: risiede all’estremità antero-superiore del grande trocantere e previene l’attrito tra il gluteo medio e grande trocantere; inoltre è interposta tra le inserzioni del medio e piccolo gluteo
  • subgluteus maximus bursa: è la più voluminosa delle borse trocanteriche ed è quella implicata nella patologia che prendiamo in esame. Si trova lateralmente al grande trocantere. E’ posizionata in profondità rispetto alla fascia lata.

FASCIA LATA

Estesa struttura connettivale a forma di cilindro cavo, il cui spessore è variabile in base alle diverse zone. E’un’ampia e robusta fascia profonda, che prosegue senza soluzione di continuità nelle regioni circostanti. Prossimalmente è inserita sul bordo esterno della cresta iliaca, sul sacro e sul coccige, sul legamento sacro-tuberoso, sulla tuberosità ischiatica, sui rami ischio-pubici e sul legamento inguinale. Distalmente la fascia lata è connessa alla rotula, ai condili della tibia e alla testa del perone.

In dietro e lateralmente continua senza interruzione con la fascia glutea. In basso continua nella gamba con la fascia crurale. Riveste completamente i muscoli TFL e sartorio, passa a ponte sul triangolo dello scarpa e va a rivestire il muscolo adduttore lungo. Sulla faccia mediale della coscia, la fascia è sottile; mentre è più robusta lateralmente, specialmente nel tratto compreso tra il tubercolo della cresta iliaca e il condilo laterale della tibia, definita bandelletta ileo tibiale (ITB). In questa regione da origine a setti intermuscolari, fra i quali uno laterale e uno mediale separano la loggia anteriore da quella posteriore. Uno sdoppiamento del setto mediale circoscrive, poi, una terza loggia, mediale. Sia il TFL lata che il grande gluteo si inseriscono sulla bandelletta ileotibiale; in tal modo la porzione distale della fascia funge da tendine congiunto dei suddetti muscoli. Questa configurazione strutturale consente a entrambi i muscoli di influenzare la stabilità dell’articolazione del ginocchio in estensione. [2,5,7,13]

MUSCOLO TENSORE DELLA FASCIA LATA

Il muscolo prende il nome dal fatto che mette in tensione la Fascia Lata. Origine: parte anteriore del labbro esterno della cresta iliaca, superficie esterna/laterale della spina iliaca antero-superiore e superficie profonda della fascia lata Inserzione: Situato nella regione antero-laterale della coscia, è un muscolo biarticolare, fusiforme, situato superficialmente e nel suo breve decorso si dirige obliquamente in basso e all’indietro sul tratto ileo-tibiale della fascia lata alla congiunzione del terzo prossimale con il terzo medio della coscia Innervazione: nervo gluteo superiore (L4,L5,S1) Azione e funzione:

  • flette l’anca
  • ruota medialmente l’anca
  • abduce l’anca
  • tende la fascia lata
  • coadiuva nell’estensione ed extrarotazione del ginocchio
  • contribuisce a mantenere il valgismo fisiologico del ginocchio (una sua lesione o debolezza può comportare la comparsa di varismo)
  • coadiuva alla rotazione laterale della tibia, se il ginocchio non è stabile
  • ITB inserendosi con i fasci laterali alla rotula, influenza attivamente la stabilità rotulea, infatti una sua rigidità determina una deviazione laterale della rotula che si apprezza principalmente negli ultimi gradi d’estensione
  • stabilizza il ginocchio negli ultimi gradi di estensione, e quando è esteso completamente [9]

Nella statica in piedi, nel cammino e di più ancora nella corsa, l’azione del grande gluteo e del tensore è praticamente continua. In particolare nell’appoggio monopodalico (su un piede solo) il tensore della fascia lata è assoluto protagonista della stabilità del bacino, poiché evita che il bacino “cada” dalla parte del piede sollevato da terra. Questa azione è fondamentale ogni volta che durante la corsa si ha una fase di appoggio, cioè sempre. Tanto più la corsa crea un carico importante in appoggio (pensiamo ad una discesa da sentiero che preveda balzi e salti su un piede solo, ma anche una discesa asfaltata) tanto più intensa è l’attività del TFL. La forza esercitata dalla sua contrazione si trasferisce sul tendine, quindi sulla ITB.

LE PATOGENESI

BORSITE

La borsa mucosa sottotendinea è normalmente uno spazio virtuale non definibile. Quando è infiammata (borsite), il liquido al suo interno aumenta, così la borsa aumenta di spessore, può andare dagli 1-2mm ad alcuni centimetri; spesso in questi casi il movimento del tendine sovrastante diviene difficile e doloroso [5,13,14]. Il termine “trochanteric bursitis” (”Borsite trocanterica”) venne coniato nel 1923, quando Stegemann ha usato il termine per descrivere un dolore cronico, ricorrente nella regione laterale dell’anca prossimale. [46] Nel 1958, Leonard chiamò questa condizione “trochanteric syndrome”, riflettendo la moltitudine di cause che possono provocare dolore localizzato nella zona del grande trocantere. [47] Più di recente, viene utilizzato il termine “greater trochanteric pain syndrome” (GTPS) con crescente frequenza per descrivere il dolore nella regione del grande trocantere e dei tessuti molli localizzati nella regione antero-laterale della coscia prossimale.

La causa più comune di GTPS è la degenerazione e /o tendinopatia dei muscoli medio e/o piccolo gluteo, alterazioni del TFL e/o ITB. Infatti l’infiammazione della borsa trocanterica non è sempre presente in questa problematica, e raramente è la causa primaria che scatena i sintomi e i segni clinici del paziente.

Quando le borse subiscono irritazioni eccessive a causa di stress meccanici come “sfregamenti” ed impatti ripetuti possono infiammarsi. Le cause quindi possono essere diverse:

  • trauma acuto (ad esempio caduta sul fianco, tuffi a terra nei portieri di calcio) che porta ad una borsite emorragica. Si possono rompere dei capillari con versamento di sangue all’interno della borsa; il sangue provoca irritazione e, nei casi più seri, coagula e calcifica.
  • microtraumi ripetuti per un’alterata biomeccanica del cammino o della corsa (ad esempio nei runners)
  • disfunzioni muscolo regionali (ad esempio tendinopatia inserzionale dei muscoli che si inseriscono al grande trocantere)
  • uso eccessivo e/o errato dell’articolazione (ad esempio alcune attività lavorative)
  • infettive
  • reumatiche (come gotta, malattia reumatica, artrite reumatoide)

Quando c’è un’infiammazione della borsa trocanterica, il dolore è presente nella parte laterale dell’anca ed a volte lungo la parte laterale della coscia fino al ginocchio Il dolore che provoca questa patologia, di solito, viene aggravato da:

  • giacere sul lato colpito
  • salire le scale
  • correre
  • stare a lungo in piedi caricando solo su un arto, quindi in appoggio asimmetrico per lungo tempo con l’anca malata risalita e addotta e il bacino che cade sul lato opposto
  • stare seduto con le gamba accavallate
  • sedersi ed alzarsi da una seduta bassa
  • effettuare attività monopodaliche
  • effettuare un’adduzione passiva
  • effettuare un’abduzione attiva

Fattori predisponenti borsite trocanterica:

  • TFL contratto e sindrome ITB ipsilaterale: in generale se è presente una diminuzione della mobilità/ flessibilità e accorciamento di queste strutture
  • debolezza, errore nel timing di attivazione e scarso utilizzo del muscolo grande gluteo, può diminuire l’elasticità di tale muscolo e diminuire il range di flessione dell’anca, questo porta ad un aumento della tensione della ITB
  • artrosi ginocchio e anca
  • predisposizione femminile: attribuita a fattori anatomici e biomeccanici unici per le donne, tra cui la dimensione più ampia e la forma bacino, con la sua associazione relativa con ginocchio valgo. Ciò può comportare elevati sforzi di trazione alla ITB e agli abduttori dell’anca nella zona trocanterica.
  • Obesità
  • età superiore ai 40 anni
  • tendinopatia inserzionale dei muscoli che in inseriscono al grande trocantere, più comune il medio gluteo
  • debolezza dei muscoli abduttori e rotatori esterni dell’anca
  • disfunzioni della colonna lombare (ridotta mobilità, artrosi, dolore lombare, sindrome delle faccette articolari, degenerazione discale, spondilo artrosi, discopatia degenerativa)
  • dismetria arti inferiori, la borsite colpisce il lato ipermetrico (quello più lungo)
  • problemi neurologici con disturbi della deambulazione
  • pregressi interventi regione anca e ginocchio
  • trigger point tensore e muscoli glutei
  • una diminuita elasticità muscolare, gli squilibri di forza e le conseguenti posture viziate del bacino possono essere fattori che portano all’irritazione della borsa
  • sindrome del piriforme, poiché si inserisce al margine superiore del grande trocantere. Durante il suo decorso prende contatto con il nervo sciatico, che può essere localizzato anteriormente al muscolo o, nel 15% dei soggetti, all’interno del ventre muscolare stesso. Ciò determina una sintomatologia simile alla sciatalgia da ernia del disco, con dolore al gluteo e alla parte posteriore e/o laterale della coscia, talvolta anche della gamba, accompagnato da formicolii e intorpidimento dell’arto inferiore corrispondente.
  • scarsa stabilità lombo-pelvica
  • anche l’anca a scatto, con scatti ripetuti della bandelletta ileotibiale sopra il grande trocantere
  • ripetizione degli stessi movimenti per lungo tempo
  • 8% dei casi la causa è sconosciuta (Modificato da Shbeeb y Matteson, para la Clínica Mayo, Rochester)

 

DISFUNZIONE DEL TENSORE DELLA FASCIA LATA (TFL) [7]

Per individuare il muscolo, esso può essere palpato tra la spina iliaca anteriore superiore e il grande trocantere, il paziente giace il posizione eretta, far alternare il peso da un piede all’altro, oppure ruotando il ginocchio all’interno, in questi casi il muscolo si contrarrà evidenziandosi al tatto.

Fattori predisponenti al sovraccarico del muscolo:

  • Corsa su distanze lunghe
  • Corsa su terreni accidentati
  • eseguire allenamenti lunghi su terreni sui quali non si è abituati a correre (come la pista di atletica)
  • Corsa su superfici inclinate come quando p.es. si corre sul ciglio della strada sempre sullo stesso lato (quindi con una superficie di contatto non simmetrica), perché portano ad un varismo di un ginocchio e al valgismo del contro laterale e si produce una dismetria degli arti inferiori
  • Evitate o limitare corse in salita e in discesa
  • dormire o sedere con le ginocchia vicine al petto
  • debolezza cui dei muscoli che circondano TFL e ITB, perchè non sono strutture forti, altrimenti si possono verificare alterazioni e squilibri muscolari. Soprattutto gli altri abduttori ed extrarotatori dell’anca
  • biomeccanica corporea ( varismo del ginocchio, angolo della testa del femore, ecc..)
  • Cinetica della corsa non efficace
  • Postura statica e dinamica alterate
  • correre con scarpe consumate ai lati
  • eseguire attività impegnative senza opportuno riscaldamento
  • aumentare il carico degli allenamenti in modo improvviso
  • attivita’ che comportano ripetuta flessione dell’anca come le arti marziali, la danza e la ginnastica; ma anche attività con movimenti di sollevamento del ginocchio in avanti o diagonalmente (come calci frontali nelle arti marziali)
  • alterazioni dell’appoggio plantare e anomalie dell’ arco plantare, come piattismo dei piedi o un’eccessiva pronazione (i corridori che pronano eccessivamente il piede aumentano la forza torsionale intrarotatoria del ginocchio causando l’aumento di tensione della benderella ileo tibiale)
  • corridori che adducono l’anca al di là della linea mediana nel ciclo del passo
  • effettuare poco stretching dei muscoli della coscia
  • eseguire attività fisica e corsa con scarpe non adatte o usurate
  • sedersi con le gambe accavallate
  • valgismo dell’angolo del collo del femore, perché aumentano le forze assiali a livello del grande trocantere; in aggiunta ad un pre-tensionamento della banda ileo-tibiale, con maggiore forze che vengono scaricate su questo muscolo [55]

TFL e ITB sono i principali responsabili delle disfunzioni a carico dell’arto inferiore. Un’aumentata tensione a carico di queste due strutture si osserva frequentemente in associazione a ginocchio valgo; e se accorciati provocano un tilt pelvico anteriore.

Segni di un’aumentata tensione del muscolo:

  • dolore alla palpazione
  • presenza di piccoli noduli
  • dolore mettendo in allungamento il muscolo o adducendo l’anca in decubito laterale
  • nel cammino o in stazione eretta si osserva un compenso dell’anca in rotazione mediale (in questo caso TFL sarà reclutato come abduttore dominante )

 

CONTRATTURA DEL TFL E DELLA BANDELLETTA ILEOTIBIALE

Una condizione spesso erroneamente diagnosticata come sciatica è quella del dolore associato a contrattura del TFL e della bandelletta ITB. L’area di distribuzione cutanea dei dermatomeri coincide strettamente all’area algica. Il dolore può essere circoscritto all’area ricoperta dalla fascia lungo la superficie laterale della coscia o può estendersi verso l’alto sopra i glutei interessando similmente la fascia glutea. La palpazione della fascia lata in tutta la sua lunghezza, dall’origine sulla cresta iliaca fino all’inserzione della ITB sul condilo laterale della tibia, può suscitare dolore o iperestesia. Vi è iperestesia, specie lungo il margine superiore del grande trocantere e nel punto di inserzione vicino alla testa della tibia. I sintomi dolorosi possono essere circoscritti all’area della coscia o possono manifestarsi nell’area innervata dal nervo peroneo. Il nervo peroneo, può essere irritato nei casi di tensione della ITB. La contrattura ovviamente del TFL e ITB, cosi come la borsite, può essere unilaterale o bilaterale (rara). [7]

COMPONENTE MIOFASCIALE

Il dolore e la dolenzia proiettati dai Punti Trigger del TFL si concentrano nella regione dell’anca, più in specifico nella parte antero-laterale della coscia sopra il grande trocantere e si estendono lungo la coscia verso il ginocchio. Spesso queste manifestazioni cliniche vengono erroneamente attribuite a borsite trocanterica, però il dolore non è dovuto all’infiammazione della borsa ma alla componente mio fasciale da PT del TFL. L’esame dei PT si effettua a piatto con il paziente supino. Il paziente affetto da Punti Trigger del TFL presenterà difficoltà ad estendere e ad addurre completamente l’anca e in casi estremi non riuscirà a far toccare le ginocchia se coricato di lato (il muscolo manterrà la gamba in abduzione contro la forza di gravità). I Punti Trigger sono in genere uno o due, spesso in profondità per cui occorrerà esercitare una certa pressione per raggiungerli. I pollici rafforzati o le falangi sono buoni strumenti per trattare il muscolo, come lo è una pallina da tennis o da ping-pong.

TFL E BORSITE

Il grande trocantere è separato dalla fascia lata solo dalla borsa sierosa, una borsa sinoviale che facilita lo scivolamento anatomico tra queste due strutture. In condizioni di alterazioni funzionali della biomeccanica del cammino, della corsa, in correlazione con alcune attività sportive o lavorative che vanno a coinvolgere la zona in modo eccessivo (ipersollecitazione del compartimento laterale della coscia), questa fascia si ispessisce, si retrae e si riduce la sua flessibilità (può colpire anche le persone sedentarie). Questa aumentata tensione provoca un’irritazione meccanica per attrito sulla sporgenza del grande trocantere, non scivolando più il TFL liberamente e in modo fluido sul grande trocantere. La borsa di conseguenza si infiamma, tuttavia l’infiammazione della borsa non è il fattore che scatena i sintomi del paziente, ma è una conseguenza delle tensioni anomale causate dal TFL sulla borsa; o anche dalla ITB che condiziona funzionalmente il TFL. La borsite, associata ad un’aumentata tensione di tale muscolo, è una problematica invalidante, che porta ad una modificazione e limitazione della partecipazione alle attività della vita quotidiana e delle attività sportive, se praticate. E’ una patologia specifica, ed è tra le affezioni dell’apparato muscolo-scheletrico maggiormente riscontrate nella pratica clinica, negli ultimi anni. Ciò nonostante, non sono presenti, in letteratura, Linee Guida, né consensi sulle strategie di intervento più efficaci. Il trattamento riabilitativo è considerato come uno dei primi passi nella gestione dei pazienti.

DIAGNOSI

Speso la diagnosi di questa problematica è effettuata in ritardo; ciò comporta il dovere spesso affrontare la borsite quando è già andata incontro ad un processo di cronicizzazione con particolare difficoltà di trattamento. Spesso si dice in fisioterapia “non bisogna curare il sintomo, ma trattare la causa che porta al sintomo”, questa affermazione è particolarmente vera in questa specifica problematica. Infatti l’infiammazione della borsa in sé, non è quasi mai presente, e di solito è secondaria ad un altro fattore eziologico, come ad esempio un’aumentata tensione del TFL. Per cui è fondamentale capire la vera causa che porta alla borsite, La diagnosi della borsite risulta difficile per diversi aspetti; in primis, la borsite può essere dovuta a molteplici cause, anche molto diverse tra loro; un secondo aspetto è la complessa anatomia di questa regione della coscia prossimale, con la presenza di un numero variabile di borse, diverse strutture miotendinee e fasciali.

Esame clinico:

Intervista al paziente: indagine anamnestica. Si tratta di un confronto verbale con il paziente che esprime i suoi sintomi, le sue problematiche e le limitazioni causate dalla patologia. E’ importante chiedere informazioni sulla precisa locazione del dolore, di che tipo di dolore si tratta, se è continuo, intermittente o evocato da qualche attività specifica. Eventuali comorbilità ed interventi/ problematiche passate. Tipo di lavoro e di attività fisica svolta. L’analisi accurata della storia dei sintomi è essenziale per formulare una ipotesi riguardo all’eziologia della borsite Importante nella diagnosi per differenziare le possibili cause della patologia è eseguire un dettagliato esame obiettivo statico e dinamico che comprende:

  • analisi della postura statica in stazione eretta, supina e prona
  • esame dell’appoggio dell’arco plantare: esame baropodometrico
  • analisi del cammino: gait analysis
  • negli sportivi esame della biomeccanica della corsa
  • valutazione del ROM passivo (esame articolare all’anca) ed anche attivo
  • test di forza e lunghezza dei muscoli interessati (test di ober e test di thomas)
  • se il dolore è solo su un arto inferiore, effettuare sempre un confronto con il controlaterale in tutti gli aspetti dell’esame clinico
  • indagare eventuali atteggiamenti viziati e/o obbligati assunti spontaneamente dal paziente
  • ispezione della zona dolorosa, ma anche della colonna lombosacrale (sacroiliache, degenerazione disco, faccette articolari, squilibri muscolari) ricerca la presenza di deformità o tumefazione dei tessuti molli
  • palpazione: tono muscolare, temperatura cutanea, contratture, trigger point, versamento, gonfiore, localizzazione precisa del dolore
  • esame della sensibilità per escludere radicolopatie lombari ed ernie discali che potrebbero provocare un dolore nella stessa zona

Non ci sono test specifici la cui positività indichi la presenza di borsite trocanterica, così come il suo legame ad un aumento di tensione del TFL e ITB. La palpazione non permette di differenziare la fonte che genera dolore; infatti apparte un generico dolore laterale all’anca, c’è scarsità di segni con alta specifità per GTPS. A differenza delle patologie articolari dell’anca non è presente dolore nella regione inguinale, bensì in quella laterale. Tipico della borsite trocanterica è il dolore in extrarotazione ed anca flessa a 30-40 gradi in regione posterolaterale, che si accentua se l’arto extrarotato viene portato in adduzione. Se con questa manovra si presenta dolore in sede inguinale è normalmente correlato ad una lesione del labbro aceta bolare. Un elemento che si può riscontrare in tale problematica è la “zoppia di fuga” (il paziente tende a velocizzare il passo con l’arto dolente in modo da diminuire la tempistica di appoggio e il dolore). L’esame clinico continua con il paziente posto in posizione laterale. Per prima cosa l’esaminatore solleva l’arto in abduzione e, una volta ottenuto il rilascio muscolare, palpa la regione trocanterica che appare estremamente dolente soprattutto nella regione posteriore del trocantere in caso di borsite. Altro test che si esegue con paziente supino è quello dell’abduzione contro-resistenza. La ipovalidità muscolare del lato affetto da borsite deve far sospettare una lesione dei tendini glutei..

Test per la sindrome dolorosa del grande trocantere [4]

  1. Appoggio monopodalico per 30 secondi

Il paziente è in posizione retta, appoggiandosi delicatamente all’esaminatore. Deve sollevare l’arto inferiore sano e rimanere per 30 secondi sull’arto da valutare. Non è consentita nessuna deviazione laterale del tronco dal lato ipsilaterale. Viene chiesto al paziente se ha dolore. Un dolore simile al dolore spontaneo è registrato come immediato, precoce, o tardivo se avviene rispettivamente dopo 0-5 sec., 6-15 sec., o dopo 16-30 sec.

La principale differenza tra questo test ed il test di trendelenburg è la risposta al dolore considerata come risultato positivo per questo test, in confronto con la caduta della pelvi nel test di trendelenburg.

2. Rotazione esterna contro resistenza (test dell’antiversione)

Il paziente giace supino, con l’anca ed il ginocchio flessi a 90°, l’anca in rotazione esterna. L’esaminatore diminuisce leggermente la rotazione esterna appena sufficientemente per alleviare il dolore (se presente). Il paziente ritorna attivamente con l’estremità inferiore in rotazione in posizione neutra (posizionare l’estremità inferiore lungo l’asse del letto) contro la resistenza. Il test viene considerato positivo se si riproduce dolore spontaneo. Se il risultato è negativo, il test viene ripetuto con il paziente in posizione prona, anca estesa e ginocchio flesso a 90°. Si ha un aumento della sensibilità del 94% con risultati positivi nella posizione prona, risultati negativi in posizione supina

Borsite Tensore della Fascia Lata
Borsite Tensore della Fascia Lata

TEST MUSCOLARE DEL MUSCOLO TENSORE DELLA FASCIA LATA [7]

Esame muscolare manuale, serve per testare la capacità del muscolo di funzionare durante il movimento e la loro capacità di fornire stabilità e sostegno. Paziente supino Fissazione: il paziente può aggrapparsi al lettino. L’azione del quadricipite è essenziale per mantenere in estensione il ginocchio. Generalmente non è necessario fornisca ulteriore stabilizzazione; l’esaminatore dovrebbe sostenere anteriormente con una mano il bacino sul lato opposto Test: abduzione, flessione e rotazione mediale dell’anca con il ginocchio disteso pressione contro la gamba in direzione dell’estensione e dell’adduzione. La pressione non va esercitata contro la componente di rotazione Una contrattura del TFL di un arto, porta ad un atteggiamento in flessione dell’anca e posizione di valgismo del ginocchio; inoltre il bacino si inclinerà in basso proprio su quel lato. In posizione supina o eretta, il bacino sarà inclinato anteriormente se le gambe sono portate in adduzione.

TEST DI OBER [7]

Questo test venne presentato dal Dott. Ober nel 1937 e denominato “test di abduzione”, poichè il muscolo tensore della fascia lata e la bandelletta ileo-tibiale sono coinvolti nell’abduzione dell’anca, insieme ai muscoli medio e piccolo gluteo. [35] E’ una manovra semeiologica per valutare la flessibilità di queste due strutture; per questo dovrebbe essere eseguito in tutte le condizioni associate a retrazione della ITB. Kendall, partendo dal test originale del Dott. Ober, migliorò alcuni aspetti e imprecisioni; con lo scopo di dare meno tensione nell’area dell’articolazione del ginocchio, alla rotula e minore interferenza di un retto femorale contratto. [8]

TEST DI OBER MODIFICATO [7]

Paziente in posizione di decubito laterale con le spalle e il bacino perpendicolari al piano del lettino e con l’arto da esaminare posto verso l’alto. L’esaminatore si pone dietro al paziente. L’arto inferiore posto in basso, a contatto con il lettino, è flesso al ginocchio e all’anca per appiattire la parte inferiore della schiena, così da rendere stabile il bacino nel rischio di un’inclinazione anteriore. Tale inclinazione deve essere evitata poiché, equivalendo alla flessione dell’anca, favorisce la contrazione Esaminatore appoggia, sul lato da esaminare, una mano sul bacino del soggetto, appena al di sotto della cresta iliaca, e spinge in su, in modo tale da stabilizzare il bacino e far aderire al lettino la faccia laterale del tronco. Il bacino va stabilizzato anche al fine di prevenire un’inclinazione laterale verso il basso sul lato in esame; quest’ultima equivale a un’abduzione dell’anca ed un simile movimento del bacino faciliterebbe la contrattura del TFL. L’esaminatore, con l’altra mano sostiene l’arto da esaminare a livello del cavo popliteo; la differenza sostanziale rispetto al Test di Ober originale, è che il ginocchio dell’arto da esaminare non è tenuto flesso ad angolo retto, ma esteso. L’esaminatore non ruota esternamente la coscia, ma ne impedisce la rotazione interna, in modo da valutare con precisione la tensione a carico del TFL e ITB, e la porta in estensione. L’arto inferiore in esame deve essere mantenuto in linea con il tronco (cioè sul piano coronale) e lo si lascia cadere, in modo che la coscia discenda in adduzione verso il piano orizzontale (l’esaminatore non avvicina l’arto verso il basso). Se TFL ha una lunghezza normale, si avrà il bacino in posizione neutra, anca in posizione intermedia fra la rotazione mediale e la rotazione laterale, la gamba è nel piano coronale e può scendere in adduzione. Il range di movimento in adduzione può essere considerato normale se la coscia scende leggermente al di sotto del piano orizzontale, fino a circa 10°, con la coscia in rotazione neutra sul piano coronale ed il ginocchio. Il test è positivo, quindi è presente una tensione del TFL e ITB, quando la coscia rimane in abduzione e non scende fino al piano orizzontale.

Borsite Tensore della Fascia Lata
Borsite Tensore della Fascia Lata

TEST DI OBER MODIFICATO PRONO

Paziente posto in stazione eretta all’estremità del lettino, in contatto con questo, e si flette in avanti per appoggiarvi sopra il tronco prono, le ginocchia sono flesse e i piedi sono posizionati in avanti sotto il lettino. Il soggetto estende entrambe le braccia sopra la testa e si aggrappa ai lati del lettino. Quando il tronco prono la regione lombare sarà piatta; mantenere le braccia completamente estese sopra la testa tende a prevenire inclinazioni laterali del bacino; inoltre questa posizione è più stabile di quella sul fianco e soddisfa i requisiti per il test di Ober. Movimento del test: per esaminare la lunghezza del TFL e ITB di sinistra, l’esaminatore si posiziona, in piedi, in modo da afferrare con il braccio sinistro la coscia e la gamba di sin del paziente, mantenendo il ginocchio flesso a 90°. Con la mano destra mantiene il bacino saldamente appoggiato sul tavolo. Mantenendo il gin flesso, l’esaminatore muove la gamba fino al completamento dell’abduzione dell’anca e quindi verso l’alto in estensione. Mantenendo l’articolazione dell’anca al termine dell’ estensione, l’esaminatore poi la sposta in direzione dell’adduzione. Range normale di movimento: movimento della coscia nella posizione di adduzione zero (analoga al piano orizzontale nella posizione sdraiata sul fianco). (se l’anca non può essere completamente estesa, ci sarà un’adduzione lievemente maggiore). Un muscolo che incroci una o più articolazioni può presentare tensione in una sola articolazione se l’altra o le altre articolazioni sono mantenute in una posizione di normale allungamento del muscolo.

TEST PER LA LUNCHEZZA DEI MUSCOLI FLESSORI DELL’ANCA [7]

Test valutazione della lunghezza dei flessori dell’anca (Grande psoas, Iliaco, Pettineo, Adduttori lungo e breve, Retto femorale, TFL, Sartorio) Paziente seduto all’estremità del lettino, con le cosce per metà oltre il bordo. Esaminatore pone una mano dietro la schiena del paziente e l’altra sotto un ginocchio, flettendo in direzione del torace, e aiutando il soggetto a passare in posizione supina., con il ginocchio contro laterale al bordo lettino. Il soggetto afferra poi la coscia, tirando il ginocchio verso il torace in misura sufficiente a far aderire la regione lombosacrale al piano del lettino. Movimento del test: se il ginocchio destro è flesso verso il torace, si consente alla coscia sin di scendere verso il piano mentre il gin omolaterale pende flesso oltre il bordo del lettino la posizione finale per dare inizio al test è con il ginocchio contro-laterale proprio sul bordo del lettino in modo che il gin sia libero di flettersi (range normale 80°) e la coscia sia ben distesa sul piano. Test corretto Regione lombare ed il sacro aderiscono al piano del lettino. La lunghezza dei flessori dell’anca monoarticolari è nella norma, quando la coscia è appoggiata sul piano. L’angolo di flessione del gin indica la presenza di una tensione a carico dei flessori dell’anca bi-articolari Se la superficie poster della coscia non tocca il tavolo e il gin si estende, è presente una brevità dei muscoli sia mono che bi-articolari, quest’ultimi si notano per una flessione del ginocchio che sarà inferiore agli 80° Le seguenti variazioni annotate in occasione del test di lunghezza dei flessori dell’anca sono indice di una brevità del TFL, pur non rappresentando il test di elezione per la valutazione di questo muscolo:

  • Abduzione della coscia con l’articolazione dell’anca in estensione. Talvolta l’articolazione dell’anca può essere estesa completamente e abdotta; questo rilievo indica brevità del TFL, ma non dell’ileopsoas
  • deviazione laterale della rotula. Se durante l’estensione l’anca non è in grado di compiere l’abduzione, può esservi una forte trazione laterale a carico della rotula, causata da un tensore corto. Questa evenienza può verificarsi anche quando l’anca è abdotta
  • estensione del ginocchio con la coscia impossibilitata ad abdurre, oppure con la coscia addotta passivamente ad anca estesa
  • rotazione interna della coscia
  • rotazione esterna della gamba sul femore

Postura che spesso troviamo in occasione di una brevità del TFL: abduzione, flessione e rotazione interna dell’anca ed estensione del ginocchio La modifica delle abitudini posturali costituisce una parte importante del trattamento.

Test valutazione della lunghezza dei flessori dell’anca (ileo psoas, retto femorale, TFL,sartorio) [7]

La regione del dorso è appiattita sul tavolo e mantenuta in quella posizione tenendo il ginocchio destro verso il torace, mentre si esamina la gamba sinistra. Una lunghezza normale del TFL permetterà la flessione del gin insieme all’estensione e adduzione dell’anca. Se il gin rimane in posizione estesa TFL è contratto

Borsite Tensore della Fascia Lata

ESAMI STRUMENTALI

L’esame principe che aiuta nella diagnosi è l’ecografia, che metterà in evidenza un versamento all’interno della borsa sierosa, edema a carico della zona circostante ed eventuali calcificazioni all’inserzione dei tendini coinvolti (entesite calcifica).

La radiografia può mostrare radio-opacità che suggeriscono tendinopatia calcifica o borsite. Esostosi o osteofiti del grande trocantere possono essere riscontrate nei casi cronici di GTPS. Le radiografie sono spesso utili nel valutare avulsioni di osteoartrite, FAI, o ossee pure.

La risonanza magnetica permette di valutare dettagliatamente capsula articolare, legamenti, labbro e altri tessuti molli; La risonanza magnetica con artrografia è più affidabile per identificare lesioni condrali, patologie del labbro, corpi mobili, fratture da stress e lesioni dei tessuti molli. Si può effettuare anche l’aspirazione del liquido raccolto nella borsa e sottoporlo ad esami chimico-fisici ed esami colturali.

TRATTAMENTO DEL TENSORE DELLA FASCIA LATA

Il trattamento del TFL in fase ACUTA:

  • calore sulla superficie laterale della coscia mentre il paziente è in una posizione che allenta la tensione, come ad esempio abducendo la gamba in posizione supina o di decubito laterale. Per sostenere la gamba in abduzione a paziente in decubito laterale, si pongono cuscini duri tra le cosce e la parte inferiore delle gambe, assicurandosi che anche il piede riceva un adeguato sostegno. Un cuscino dietro la schiena o contro l’addome aiuta ad equilibrare il paziente in questa posizione.
  • successivamente si può passare al massaggio, che dovrebbe essere deciso ma non profondo. Il massaggio verso il basso può rivelarsi più efficace del consueto movimento verso l’alto.
  • l’esposizione dei pazienti al freddo spesso ne causa un aumento di dolore.

In fase SUBACUTA:

  • il dolore acuto dovrebbe essere alleviato;
  • il programma di trattamento dovrebbe essere rivolgersi all’allungamento delle strutture muscolo fasciali;
  • anche con l’utilizzo del taping.

Applicazioni taping kinesiologico nei casi di borsite trocanterica dovuta a microtraumi ripetuti al grande trocantere e con sollecitazioni eccessive del TFL [6]:

1.Bendaggio decompressivo

Serve per aumentare la circolazione dei fluidi della zona dolorosa, drenare l’edema della borsa trocanterica e decomprimere la tensione fasciale.

2.Bendaggio stabilizzante

Serve per aiutare a sostenere la contrazione muscolare TFL e per decomprimere la tensione fasciale.

BIBLIOGRAFIA

1. Kapandji A.I. (2011), “Anatomia funzionale, volume 2: Arto inferiore”, trad. it. Marie-Caroline Marguier, Monduzzi Editoriali S.r.l., Noceto (PR) (ed.orig. Kapanji A.I., 2009, Anatomie fonctionelle, Tome 2. Hanche, Genou, Cheville, Pied, Voute plantaire, Marche. 6E edition)

2. Kisner C., Colby L. (2014), “Esercizio terapeutico: fondamenti e tecniche”, III Edizione italiana condotta sulla VI edizione americana a cura di Mario B. e Galzignato C., Piccin, Nuova Libraria S.p.A., Padova.

3. Brotzman S.B., Wilk K.E. (2004), “La Riabilitazione in Ortopedia”, ed. it. a cura di Silvano Boccardi, Excerpta Medica Italia Srl, Torino (ed.orig. Brotzman S.B., Wilk K.E., 2003, “Clinical Orthopedic Rehabilitation, 2nd edition”, Mosby)

4. Chad E. Cook –Eric J. Hegedus, “Test clinici e funzionali in ortopedia”. I edizione italiana condotta sulla II edizione americana a cura di Stefano Masiero

5. Ambrosi G., Castano P. , Rosario F. Donato et al. (2008), “Anatomia dell’uomo”, seconda edizione, edi-ermes. Milano

6. Bellia R. e Selva Sarzo F. (2011), “Il taping kinesiologico nella traumatologia sportiva, manuale di applicazione pratica”. Alea Edizioni. Milano.

7. Kendall, Mc Creary, Rodgers, Romani, Provance. (2005), “I muscoli, Funzioni e test con postura e dolore”. 5° Edizione. Verducci editore. Roma.

8.Kendall HO, Kendall FP, PG. Provance, Rodgers M., Romani W., (1952), “Testing and Function, with Posture and Pain”, Williams & Wilkins Comprehensive Medical Assisting

9. Mathers LH., Chase RA., Dolph J., Glasgow EF., Mathers L., (1996), “Clinical Anatomy Principles Paperback”, capitolo, 15

10. Simons, D.G., Travell, J.G., (1999), “Dolore muscolare, diagnosi e terapia, Punti Trigger”, volume 2, capitolo 12, traduzione di Franco Combi, Ghedini Editore, Milano

11. Netter F.H., (2004), “Atlante di anatomia umana”, seconda edizione, sezione VII arto inferiore, Masson, Milano

12. McAtee RE., Charland J., (2007), “Facilitated stretching, 3rd” , Human Kinetics, USA

13. Barni T., Farina F., Di Baldassarre A., Falcieri E., Grandi D., Grimaldi P., Gulisano M., Milani D., Ricciardi G., Tafuri D., (2008), “Anatomia dell’apparato locomotore”, EdiSES, Napoli

14. Todesco S., Gambari P.F., Punzi L., (2007), “Malattie reumatiche”, McGraw-Hill, Milano

Fonte: “TRATTAMENTO RIABILITATIVO NELLA PATOLOGIA DEL TENSORE DELLA FASCIA LATA E TROCANTERITE” a cura di Denis Silvestrin Ft.

Visita la nostra pagina corsi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato sui nuovi corsi.

Scopri tutte le novità con gli articoli del nostro Blog.

You have Successfully Subscribed!